.
Annunci online

 
Edededed 
Diario di Bordo dalla Mini Super Corazzata BEPPE GRILLO, che Naviga
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 
  cerca


 

diario |
 
Diario
1visite.

31 dicembre 2009

Grillo168 - Discorso di fine anno


"Mi trovo su un tetto come migliaia di italiani ad aspettare Capodanno
Una volta si finiva sotto i ponti, ora si sale sopra i tetti per salvare il proprio posto di lavoro. 

E non solo sui tetti, anche sulle gru, sul Colosseo. 

Brunetta, l'uomo che sembra lontano, ha definito i lavoratori licenziati sui tetti un fatto fisiologico, marginale. 
Nel 2010 dovremo scendere dai tetti e lasciare il nostro posto alla classe politica, ordinare qualche centinaio di elicotteri all'Agusta per la festa nazionale dell'elicottero
Una festa che ha già il suo santo: San Ceaucescu e il suo martire latitante: San Bottino Craxi.

Migliaia di pale che girano insieme nei cieli d'Italia. 

Ci sarà un nuovo Rinascimento con le energie rinnovabili, i prodotti a chilometri zero, la diffusione di Internet, la conoscenza. 
Nel 2009 sono morti più di 1.000 lavoratori, molti sono caduti dai tetti per mancanza di protezioni. 1.000 persone sono morte sul lavoro, ma nessuno ha tirato in ballo il partito dell'odio, c'è stato solo il partito del grano: meno investimenti in sicurezza, più profitto.
Invito i lavoratori senza protezione nel 2010 a scendere dai tetti e far salire chi ce li manda a calci nel culo. 
Il 2009 è stato l'anno degli psicolabili, il 2010 sarà l'anno degli psicolabili organizzati

Gli italiani per sopravvivere dovranno dichiararsi malati di mente per fare la spesa proletaria, non pagare il mutuo e le bollette. 
Non è difficile, basta fare l'imitazione del 10% di Gasparri.

Nel 2010 il debito pubblico arriverà a 2.000 miliardi di euro, i disoccupati a quattro milioni, i poveri a 10 milioni mentre Lucio Stanca incasserà il doppio stipendio: da parlamentare e da amministratore dell'EXPO 2015, 644.000 euro, e i parlamentari continueranno ad avere la pensione dopo due anni e mezzo. 

Il 2010 terminerà senza lo psiconano al governo, il primo psicolabile d'Italia, forse Veronica Lario lo farà internare, il miglior pazzo degli ultimi 150 anni.

L'anno nuovo si aprirà con l'inseguimento a Schifani che non mette all'ordine del giorno in Senato la proposta di legge: "Parlamento Pulito" che vuole fuori dal Parlamento i condannati in via definitiva, l'elezione nominale del candidato e un massimo di due legislature. 

Schifani manda a fanculo 350.000 cittadini che hanno firmato di fronte a un pubblico ufficiale. Schifani sarà a Reggio Emilia il 7 gennaio per i 150 anni del Tricolore, ci sarò anch'io per chiedergli conto delle sue azioni. 
Schifani che onora il Tricolore è peggio di Bossi che ci si pulisce il culo.

Nessuno parla del
MoVimento 5 Stelle, è nato nel 2009, ha una sua carta fondativa ufficiale: il "Non Statuto", un suo Programma, decine di migliaia di iscritti on line in pochi giorni. Un MoVimento in cui "ognuno conta uno". Nel 2010 si presenterà in cinque regioni: Campania, Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto senza finanziamenti, con tutti i media contro, ma sarà sufficiente inserire un solo consigliere regionale per far saltare il banco per impedire ogni inciucio. Ci sono già 40 consiglieri comunali a 5 Stelle eletti in molti capoluoghi di provincia e il MoVimento ha contribuito all'elezione di due parlamentari europei, Sonia Alfano e Luigi De Magistris, il più votato in tutta Europa.
Ci ignorano, ma sono già morti. Vivono di contributi pubblici, di concessioni governative.
Il 2010 sarà il punto di partenza per il ritorno in mano pubblica di acqua, energia, autostrade, connettività. 
Questi non solo stanno indebitando di 15 miliardi di euro in più al mese il Paese, lo stanno mangiando vivo. 
L'otto maggio 2010 ci sarà il Vday sull'acqua che è dei cittadini e a loro deve tornare. Il 2010 è l'anno dell'elmetto, il cittadino con l'elmetto deve uscire di casa a combattere per non uscire di senno. 

In questi giorni è fallita la conferenza di Copenhagen sul clima, stiamo andando alla catastrofe con ottimismo.
Io ho incontrato alcuni più importanti cervelli del pianeta e gli ho chiesto consiglio, il documentario fatto insieme a Greenpeace sarà distribuito gratuitamente a tutte le scuole che lo chiederanno, è sufficiente andare sul blog. 

Se una volta era proibito parlare male di Garibaldi, oggi è proibito parlare bene del MoVimento 5 Stelle e di Beppe Grillo.

Leggete il Programma, mettetevi l'elmetto e scendete dai tetti. Il toc toc toc delle pale dell'elicottero sarà dolce come il miele. Buon 2010."

Beppe Grillo




permalink | inviato da aaabbbccc il 31/12/2009 alle 21:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

28 dicembre 2009

Dal Passaparola del 28 Dicembre 2009

Deus Inciuccibus, Non Disputandum Est

(pag.245888787 del Codex Omertatis Cupolae Mini-Maximum, anno domini 1987)

 

“Quali sarebbero in tutti questi anni gli accordi sottobanco che avremmo fatto con Berlusconi? Sarei curioso di sentire l’elenco”.

L’ultimo, almeno per oggi, è quello che succede nel 1999, ma questo un po’ lo conoscete e quindi lo riepilogo per sommi capi:

il governo D’Alema ha bandito la gara per le nuove concessioni televisive, per rimettere ordine nella giungla dell’etere, ciascun titolare, ciascun aspirante editore televisivo tra quelli già presenti sul mercato (Mediaset, Telemontecarlo, Videomusic etc. etc. e quelli nuovi, Europa Sette 1 e Europa Sette 2) presentano le loro credenziali, vengono tutte accolte queste domande, tranne quella di Rete Quattro, perché?

Perché è eccedente rispetto al principio antitrust della Corte Costituzionale e quindi Rete Quattro perde la concessione e ottiene la concessione Europa Sette.

Che cosa fa il governo D’Alema?

Invece di prendere le frequenze di Rete Quattro, spegnerla e cedere le frequenze a Europa Sette, che ha vinto la gara, mentre Rete Quattro l’ha persa, concede un’abilitazione provvisoria a Rete Quattro a continuare a trasmettere, anche se non ha più la concessione, lascia le frequenze a un soggetto che non ha la concessione, mentre quello nuovo che ha avuto la concessione non ottiene le frequenze, perché quest’abilitazione provvisoria prosegue nel corso degli anni, fino a quando poi Berlusconi va al governo e sistema le sue pendenze con la Legge Gasparri 1 e, bocciata quella, con la Legge Gasparri 2. 


“ Quali sarebbero in tutti questi anni gli accordi sottobanco che avremmo fatto con Berlusconi? Sarei curioso di sentire l’elenco”,

Il resto alla prossima puntata, intanto ovviamente su Il Fatto Quotidiano seguiremo ogni giorno l’evoluzione dell’inciucio, cercando di smascherare che cosa nasconde e quali altri accordi sottobanco sono celati in questo nuovo inciucio, anche se ormai sono talmente evidenti che avvengono alla luce del sole, sopra il banco.

Passate parola.

 




permalink | inviato da aaabbbccc il 28/12/2009 alle 22:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

28 dicembre 2009

Dal Messaggero di INCIUCIOPOLI

Il Buon Marco, titola il PASSAPAROLA di oggi

Da La Repubblica, anno 2008 

L'Europarlamento nega al gip Forleo la possibilità di considerarle prove

La decisione a stragrande maggioranza con 543 voti a favore e 43 contrari

Intercettazioni sull'Unipol: 

D'Alema conserva l'immunità

BRUXELLES -

Nell'esame del caso Unipol non potranno essere utilizzate le intercettazioni delle conversazioni telefoniche nelle quali compare la voce di Massimo D'Alema.

Il Parlamento Europeo ha infatti negato oggi la revoca dell'immunità parlamentare necessaria visto che all'epoca dei fatti l'ex ministro degli Esteri aveva un seggio a Strasburgo.

La richiesta di revoca dell'immunità parlamentare riguardava infatti l'utilizzo "di intercettazioni indirette di parlamentari che conversano con utenti regolarmente intercettati".

Il tutto nel quadro del procedimento penale relativo al tentativo di acquisizione della Banca Nazionale del Lavoro.

La decisione dell'Europarlamento è stata presa in sessione plenaria a stragrande maggioranza: 543 voti a favore, 43 contro e 90 astensioni.

A chiedere alla Camera dei deputati e al Senato di poter utilizzare quel materiale di prova, nel quale comparivano anche le conversazioni di altri politici eletti a Montecitorio e Palazzo Madama, era stato il 20 luglio 2007 il giudice per le indagini preliminari di Milano Clementina Forleo.

Nell'ottobre 2007 la Camera aveva però rinviato a Strasburgo la richiesta relativa a D'Alema visto che all'epoca l'esponente degli allora Ds era europarlamentare. (18 novembre 2008)

http://www.repubblica.it/2008/11/sezioni/politica/immunita-d-alema/immunita-d-alema/immunita-d-alema.html
 

Buona Lettura

28 dicembre 2009

1776, La Dichiarazione d'Indipendenza

LA TIRANNIA MONDIALE: I FONDAMENTI DELLA MACCHINA PER UCCIDERE

E-mailStampaPDF
di Fidel Castro Ruz

Coloro che fondarono la nazione nordamericana non hanno potuto immaginare che ciò che allora proclamavano, portava, come qualsiasi altra società storica, i germi della sua stessa trasformazione. Nell’affascinante Dichiarazione d’Indipendenza del 1776, che mercoledì scorso ha compiuto 231 anni, s’affermava qualcosa che, in un modo o nell’altro, ci ha affascinato in molti: “Noi riteniamo quali verità di per se stesse evidenti, che tutti gli uomini sono stati creati uguali, che essi sono dotati dal loro Creatore di alcuni diritti inalienabili, fra questi la vita, la libertà e la ricerca delle felicità; che allo scopo di garantire questi diritti, sono creati fra gli uomini i governi, i quali derivano i loro giusti poteri dal consenso dei governati; che ogni qual volta una qualsiasi forma di governo, tenda a negare tali fini, è diritto del popolo modificarlo o distruggerlo, e creare un nuovo governo che si fondi su tali principi ed organizzi i suoi poteri nella forma che a suo giudizio meglio garantisca la sua sicurezza e felicità." Era il frutto dell’influenza dei migliori pensatori e filosofi di un Europa oppressa dal feudalesimo, dai privilegi dell’aristocrazia e dalle monarchie assolute. Jean Jacques Rousseau, nel suo famoso Contratto Sociale, affermò: “Il più forte non è mai sufficientemente forte per essere il padrone, se non trasforma la forza in diritto e l’obbedienza in dovere.” […] “La forza è un potere fisico; non vedo che tipo di moralità possa derivare dai suoi effetti. Cedere alla forza è un atto di necessità, non di volontà.” […] “Rinunciare alla libertà è rinunciare alla qualità dell’essere umano, ai diritti dell’Umanità, compresi i suoi doveri. Non vi è ricompensa possibile per chi rinuncia a tutto.”


Da altrenotizie.org

http://www.altrenotizie.org/multimedia/pescati-nella-rete/1200-la-tirannia-mondiale--i-fondamenti-della-macchina-per-uccidere.html


Buona Lettura dell'articolo completo, al link qui sopra

27 dicembre 2009

Dell'uso costruttivo del Blog (non un chat)

Il Buon Beppe, tra i Pionieri della Rete, e di certo non uno dei tanti CLONATORI che STROMBAZZAN dappertutto, adesso a PETTO IN FUORI, a PROPOSITO dei miracoli della Rete ed AUTOREFERENZIANDOSI in ruoli del tutto da folli e **opzionalmente-onesti-a volte-si'**...

E sfruttando la SCIA EMOZIONALE ed altro che la Rete ha creato, i SUDDETTI

**  con recitata pasion e toni da recita, appunto.. **

In coro (vero o falso, e' da vedere), **parlan rete** **fanno marketing politico rete** **delirano per il potere del giocattolo** **impersonano alla Cinecitta' la rete** e molto, molto di piu'..si respira aria diossinica  di ARCORE e metodi Publitalia, in tutta schiettezza...

Beppe lancio' e continua a lanciare proposte costruttive: LAVORI ad alto valore e beneficio per il Paese..ed inizio' con Craxi, per chi vivesse una condizione di latitanza....dalla memoria, sopratutto, e dall'onesta' dell'intelletto che, nell'area Orwelliana AD ARCOREM, e' merce rarefatta

La Raccolta delle Firme per un Referendum sul Parlamento Pulito

Raccolta REALE..su carta e da persone vere e con l'identita' verificata da Pubblici Ufficiali. Raccolta che ebbe ed ha tutt'ora un significato ben diverso da altre AZIONI VIRTUAL-FACILI e spesso FASULLE, di chi si accodo' alla SCIA EMOZIONALE del successo di detta Raccolta Firme..alcuni definirono sti RACCOGLITORI, degli **Imprenditori alla Giampy**

La Raccolta Firme per un Referendum Popolare e' contemplato dalla Costituzione, indi Legale, Costituzioale e Doveroso per le Autorita il gestire il citato Referendum) 

Oltrettuo, e' anche un grosso strumento per il Cittadino: l'aver usato la Rete per presentarlo, pur non essendo un assoluto in senso INVENZIONE, per il Paese lo fu'. e risulto' inequivocabilmente una prova evidente del potenziale disseminatore e acquisitore della Rete

(ad Arcore suonarono vari campanelli, si gossippa, e si gossippa...ed ancora..si gossippa..:::)))

Fu peraltro anche un giorno di squallide miserie comportamentali da parte di GRUPPI di Bloggare e Bloggari, quando proprio sul Blog di BEPPE GRILLO, esordi' il METODO OMINO ed inizio' una intensa attivita' del PEGGIOR VIRTUAL MARKETING per raccogliere FIRME..

La comoda, per gli opportunisti, SCIA EMOZIONALE da sfruttare e cosi' fu'

Dati Personali che finirono **nei forzieri** di una Societa' IT..del tutto familiare con ambienti FORZA ITALIA

Voltar pagina per le Festivita'...ehm...e' d'uopo...:::))) indi per cui e pertanto copio qui sotto, integralmente e dal Blog di Beppe Grillo, un MINI-POST appena apparso

Schifani, dove sono le firme di Parlamento Pulito?

Cinque consiglieri comunali delle "Liste 5 Stelle" dell'Emilia Romagna hanno chiesto con una lettera aperta al sindaco Delrio di Reggio Emilia che Schifani non sia invitato alle celebrazioni per la nascita del Tricolore.

Del resto cosa c'entra Schifani con la Repubblica e con la Costituzione?

Un tizio che si permette di non discutere in Senato la legge popolare "Parlamento Pulito" mandando così a fanculo i 350.000 firmatari.

Uno che ha proposto il Lodo Schifani e che fa passare qualunque porcata legislativa.

Chi è Schifani?

Per quali meriti è diventato seconda carica dello Stato?

I consiglieri hanno deciso di non partecipare nel caso Schifani si presenti.

Io invece, il 7 gennaio, sarò a Reggio per chiedergli conto delle firme.

*******

Un genuino Standing Ovation pertanto, per il Buon Beppe, assieme a Tanti Auguri per le Festivita' a lui, suoi Cari e tanti, tanti amici, inclusi quelli che genuinamente (forte e burbera enfasi sul genuinamente che equivale a TOLLERANZA ZERO) condividono un certo tipo di MONDO che il Buon Beppe ha contribuito a creare (e del come cresce in un MoVimento dovra' TENERE MOLTO, estremamente MOLTO d'OCCHIO..ndr) 

E...come la Rete documentatamente insegna:

**cio' che no mi spezza, mi rafforza**

Buona Lettura

21 dicembre 2009

Dei COMPLOTTI UTILI

 Dal Mini-Archivio della Virtual Moviola

1-il termine COMPLOTTO, viene abilmente ***propagandato*** proprio dalla informazione che fa capo sopratutto all'omino ed e' una di quelle paroline magiche, o SLOGAN utilissime, per deviare e fuorviare l'attenzione di quel segmento della popolazione che ha LEGITTIME domande su cio' che ha visto del deprecabile assalto all'Omino

2-detto termine, nella sua connotazione, natura e significato, evidenzia il ridicolo di ogni avvenimento etichettabile col detto termine ed accomuna o puo' forzatamente accomunare un COMPLOTTO SERIO con un COMPLOTTO da BUFFONI o MATTI

3- la storia e' piena satura di PIANI folli (PIANI e STRATEGIE anche MEDIATICHE e non complotti) che il Potere crea per la sua sopravvivenza od ogni altro scopo che in certi momenti della sua esistenza, si verificano ed a cui occorre porvi immediato rimedio

4-il FORTE IMPATTO di un evento come l'assalto condannabile al Premier, ha OFFUSCATO l'importanza della Commemorazione del giorno prima, **40 anni della Strage di PIAZZA FONTANA** ed il significato della stessa nella nostra storia di ieri che e' alla base di tante realta' del Mondo Politico di oggi

La REAZIONE della Piazza a detta commemorazione e' stata molto INDICATIVA di uno stato d'animo MOLTO TESO...
com
Dal mondo dell'analisi in senso ampio dei fatti storici e loro collegamento ed altri significati, il GROSSO IMPATTO dell'assalto, ripeto, ha OFFUSCATO un altrettanto FORTE EVENTO del giorno prima

Da li' (mia opinione) una ricostruzione dell'EVENTO deve partire, gli analisti dicono: dalla decisione di avere un COMIZIO dell'Omino e dai toni molto provocatori.. e da chi l'ha presa quella decisione, e quali considerazioni sono state fatte al riguardo dei rischi che il clima del giorno precedente suggeriva come presenti etc etc

Buona Lettura

17 dicembre 2009

Pesanti minacce a Daniele Martinelli: da far Circolare

 

 Un Buon Passaparola e' del tutto necessario

Qualcuno lo conosce?

“attento, stai molto attento, che il panettone rischi di non mangiarlo…INFAME!!!!!”

Il commento è apparso sul video dedicato alla vicenda Tartaglia.

Me lo ha scritto questo utente di Youtube.

http://www.youtube.com/user/agcanosa

“Ascolta viscido frocio comunista, laciami il tuo indirizzo e numero di cellulare.
Voglio venire a parlare a quattro occhi con te.”

E’ un altro dei commenti apparsi sullo stesso video.

Me lo ha sritto quest’altro utente di Youtube ritratto in foto.

http://www.youtube.com/user/Cuginodimerda008

Gli ho risposto che lo incontrerò in tribunale dopo che la polizia postale lo avrà identificato e contattato.


Mi ha quindi riscritto ciò che segue.

“Sapevo già che eri codardo cagasotto
sai soltanto parlare e insultare bal bla bla
sai che me ne faccio io del tribunane del tuo ipotetico avvocaticchio rottinculo,
vi piscio in faccia se non peggio, ti rode tanto che ti abbia smascherato, vero
se avessi le palle affronteresti la gente di persona senza isolarti a dire bestemmie dietro un blog di You Tube, e già il codardo li si sente sicuro vero, ma ti credi che non sappiamo chi sei ? credi che non sappiamo e che non sei nessuno, pezzo di merda ambulante ? ma stanne certo che io e non solo ti rincontreremo prima o poi di nuovo per strada lurido pederasta comunista. Ti stai gagando sotto vero ?. Vali meno di una cacchina di sorcio, hai la faccia da sorcio, e scappi via come un codardo quando devi affrontare una situazione vero.
CODARDO DI MERDA !!!!!!!!
Sa hai le palle lascia il tuo recapito, tanto prima o poi ti acchiappiamo lo stesso ….”

Lo so, chi ti vuole far fuori non te lo viene a dire. Ho comunque sporto denuncia querela ai carabinieri e ho reso il video privato per facilitare le indagini, dopodiché sarà di nuovo disponibile. Andrò fino in fondo.


Le altre irriferibili  minacce che il tale in foto ha aggiunto sul profilo del mio canale di Youtube ve le risparmio.

Le lascio fino a indagini concluse.

Vi terrò aggiornati, ma se nel frattempo qualcuno è in grado di fornirmi dettagli utili alla identificazione di quegli utenti (sempre che non si tratti di una sola persona) non esiti a contattarmi per mail. Farò tutto più velocemente.

http://www.danielemartinelli.it/2009/12/16/minacce/

Un Buon Passaparola e' del tutto necessario

 

 

 




permalink | inviato da aaabbbccc il 17/12/2009 alle 21:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

12 dicembre 2009

Archivi in Rete: per non dimenticare

Un dovuto omaggio da questo Blog, ad un caro Amico ed ottimo Bloggaro

OGGI E' ANCHE L'ANNIVERSARIO DELLA MORTE DI UN MIO PARENTE.


IL PRIMO ASSASSINIO DEL MOVIMENTO STUDENTESCO.


http://www.pugliantagonista.it/saverio2.htm

 

12 dicembre 1970 - Saverio Saltarelli

CIRCOLO SAVERIO SALTARELLI
VIA SALVO d´ACQUISTO, 9
QUARTIERE BAGGIO - MILANO -
----------------------------
CIRCOLO DI INIZIATIVA PROLETARIA GIANCARLO LANDONIO VIA STOPPANI 15
(QUART. SANT´ANNA dietro la p.zza princ.)
- ITALIA - 21052 - BUSTO ARSIZIO - VA -
(a poca strada dall'uscita autostrada A8 Laghi)

Il nostro compagno Saverio Saltarelli, studente universitario di 23 anni e membro del Comitato Studentesco di Azione Rivoluzionaria della nostra Sede di Milano, è stato ucciso dalla polizia dell´allora governo di centro-sinistra, mentre manifestava per la liberazione degli anarchici ingiustamente incarcerati con l´infamante accusa di aver organizzato la strage di Piazza Fontana, il 12 dicembre 1969.

Noi ricordiamo Saverio come militante rivoluzionario, che si è battuto per la rivoluzione proletaria, contro la borghesia italiana ed il suo Stato, e come esempio per i giovani proletari e studenti.

Commemorando Saverio, ci pare opportuno ricordare ai giovani studenti e proletari, che sono oggi in movimento sulla scena politica e intendono combattere il potere militarista e reazionario della borghesia italiana, gli avvenimenti del 1969-70, per meglio capire la realtà d´oggi e il che fare pratico.

*********

E c'e' anche un MESSAGGIO e MONITO di enorme valore nel triste e tragico episodio di allora, uno dei tanti, sopratutto per chi OGGI sta affrontando nuovamente quel tipo di tensioni e malessere che nascono da una Gestione del Paese (GESTIONE e' un punto focale) Ridicola, Fuorviante, Omertosa e dettata da Menti Criminali del tutto INCAPACI a GESTIRE la decenza che il Paese racchiude, anche nel Popolo..valori unici, storici, culturali, invidiati dal Mondo Intero

Diffidare pertanto dai FALSI SANTONI e PREDICATORI che gia' allora OFFRIRONO CURE MIRACOLOSE ed IMMEDIATE al GENUINO MALESSERE del Popolo -

Ed il Popolo venne usato ed abusato maliziosamente, e si persero di vista i PUNTI ESSENZIALI del malessere..come PIANIFICATA conseguenza, il Popolo si stanco', si allontano' dall'essere partecipe agli Affari del Paese, partendo dal locale..Partecipi lo furono le NONNE ed i NONNI..seriamente

Il Valore della PARTECIPAZIONE..partendo dal locale, e devo ringraziare Beppe per cio' che da anni sta mandando avanti in quella direzione

Grazie Beppe, e genuine e genuini Navigatori che condividono la sua generosita', dedizione, ed indicazioni, oltre che FATTI verificabili




permalink | inviato da aaabbbccc il 12/12/2009 alle 16:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

11 dicembre 2009

Piazza Fontana: 40 anni dopo

Piazza Fontana: 40 anni dopo,
c'è ancora il muro del segreto
Giorgio Frasca Polara, 11-12-2009

 

12 dicembre 1969, ore 16 e 37: una bomba esplode nella sede della Banca nazionale dell’Agricoltura, a piazza Fontana, cuore di Milano. Diciassette morti, quasi cento feriti. Una seconda bomba viene trovata inesplosa alla Commerciale, in piazza della Scala. Una terza bomba esplode meno di mezz’ora dopo a Roma, nel sottopassaggio della Banca nazionale del Lavoro, in via Veneto: tredici feriti. Nella capitale esplodono altre due bombe, tra le 17e 20 e le 17 e 30 all’Altare della Patria e all’ingresso del Museo del Risorgimento: quattro feriti. Nel giro di cinquantatre minuti, dunque, cinque attentati terroristici.

Subito dopo l’anarchico Pino Pinelli (sospettato ingiustamente per piazza Fontana) viene suicidato precipitando da una finestra della questura di Milano. Poi otto processi prima contro gli anarchici – una montatura, subito sgonfiata, di polizia e servizi – e poi finalmente contro i fascisti, ma tutti assolti, persino i nazisti Freda & Ventura la cui colpevolezza è stata “storicamente provata” (parole del giudice Salvini, che ha appena chiesto la riapertura dell’inchiesta) ma non ha potuto aver seguito perché i due erano stati già assolti in via definitiva quando le prove a loro carico erano ancora insufficienti.

Qualche condanna ci scappa, per depistaggio, nei confronti di esponenti (piduisti) dei servizi segreti, e di loro confidenti-provocatori, in primis il fascista Guido Giannettini. Infine il segreto di stato, gli archivi mai aperti dei servizi segreti e le procedure di declassificazione di migliaia di atti rendono ancora oggi inaccessibili molte, decisive informazioni su quella tragica giornata e su quanto accadde nei mesi e negli anni a seguire. “Un peso – ha detto l’altro giorno a Milano Giorgio Napoletano rivolto ai familiari delle vittime della strage – che lo Stato italiano porta su di sé, e lo dico a voi che sapete cosa significa una verità mai accertata”.

Ma oggi è necessario ricordare anche che non solo per la strage di Piazza Fontana resiste ancora il muro dei segreti. Quell’eccidio non ha rappresentato infatti che l’avvio di un ciclo terribile che per cinque anni avrebbe insanguinato l’Italia e che, a parte qualche caso di identificazione e condanna dei responsabili materiali (sempre e solo nazifascisti), non ha mai consentito di individuare i mandanti, i registi, al punto che Napolitano ha espresso più volte non solo un profondo rammarico, ma le scuse dello Stato. Vogliamo ricordare, soprattutto per i più giovani? Bomba sul treno Freccia del Sud, 22 luglio ’70 (6 morti e 50 feriti). Strage di Peteano, 31 maggio ’72 (3 carabinieri uccisi). Attentato alla questura di Milano, 17 maggio ’73 (4 morti e 45 feriti). Attentato a piazza della Loggia, a Brescia, 28 maggio ’74 (8 morti e 103 feriti). Strage del treno Italicus, 4 agosto ’74, 12 morti e 44 feriti.

Poi si è abbattuto sul Paese il ciclone degli anni di piombo, culminato con il sequestro e l’assassinio di Aldo Moro e della sua scorta da parte delle Br. Tanti processi, tante condanne, quasi tutti ora non solo liberi ma protagonisti di show in televisione. Infine la stagione dello stragismo mafioso: dall’assassinio dei giudici Falcone e Borsellino e delle loro scorte agli attentati di Firenze e Roma alle attualissime, sconvolgenti rivelazioni dei pentiti sul nesso tra mafia e politica.

Un comune elemento lega queste tre stagioni: manca su tutto la completa verità, quella completa chiarezza che è ancora un debito enorme verso la coscienza civile del Paese. Verso le vittime, verso il Paese che non dimentica, verso le giovani generazioni cui sono state negate e continuano ad esser negate prima la storia e poi la verità, tutta la verità.

 

Da Liberta' E Giustizia

http://www.libertaegiustizia.it/primopiano/pp_leggi_articolo.php?id=3114&id_titoli_primo_piano=1




permalink | inviato da aaabbbccc il 11/12/2009 alle 23:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

10 dicembre 2009

Dal Blog del Buon Soldato Travaglio

10 dicembre 2009


Guardie svizzere a mezzobusto

Un estratto..

Il Papa ha detto una cosa saggia, sul meccanismo di assuefazione indotto dall’overdose di notizie negative che tv, giornali, radio, Internet riversano sull’umanità:

“Ogni giorno il male viene amplificato abituandoci all’orrore e intossicando le coscienze”.

Giusta constatazione, nemmeno troppo originale: a furia di vedere orrori, ci si fa il callo, si diventa cinici, ci si sente “spettatori” e mai responsabili, mentre il disvalore di certi comportamenti evapora nelle coscienze.
Naturalmente Benedetto XVI parla alla cattolicità universale.

BRUNO Don VESPA congiunge le mani in preghiera e salmodia:
“Il Papa ha perfettamente ragione. Qualche volta, in buona fede, rischiamo di amplificare le situazioni più scabrose”.
Ecco, porello: lui non vorrebbe mai, ma poi, in buona fede, gli scappa ora un plastico, ora un cranio spappolato di bambino, ora un mestolo insanguinato, è più forte di lui.

FELTRI Don LITTORIO, colto sull’inginocchiatoio nel raccoglimento del vespro di mezza sera, turibola:
“Parole sagge, speriamo che le ascoltino tutti. La vita pubblica si è inasprita e i giornali sono schierati”.
Lui del resto, quando pubblicò la falsa informativa di polizia che dava del gay a Dino Boffo, già presagiva l’alto monito pontificio

Poteva mancare, nella fiera del tartufo, un salmo di AUGUSTO Don MINZOLINI ?
No che non poteva.
“Il mio Tg1 - si macera il pio Scodinzolini, stretto nel tradizionale saio di frate penitente - fa già ciò che auspica il Papa: si veda come ha trattato le vicende delle escort e il caso Marrazzo con un profilo basso, da servizio pubblico. Se tutti si fossero adeguati, non saremmo qui”.

Quell’altra guardia svizzera di ANTONELLO Don PIROSO poi, ha censurato su La7 il servizio di Silvia Resta sulle trattative fra Stato e mafia nel 1992-’93: per non addolorare vieppiù il Santo Padre.

Buona Lettura




permalink | inviato da aaabbbccc il 10/12/2009 alle 23:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

10 dicembre 2009

Un Gesto di alta NOBILTA' e CORAGGIO

Scippo dal Blog del Nobile Piero Ricca..che ebbe il coraggio di definire, col termine BUFFONE, il nostro Povero Omino, un commento appena pubblicato da un EROE (a mio avviso) delle Forze dell'Ordine

Rallentiamo, per cortesia, sul FAR CACIARA, almeno in Rete, e STRILLARE alla ULTRAS da Curve e Gradinate, Virtual-Fumogeni inclusi ed altro, sul pessimo lavoro delle Forze dell'Ordine

Generalizzare SERVE..ma..e vediamo da vicino, a chi SERVE...a chi..SERVE....

Serve, e' utile e funzionale al MONDO PROFONDAMENTE PERVERSO che ci e' stato IMPOSTO da una CULTURA a sua volta TRAPANATA in personaggi STORICI del genere Onorevole KoSSiga (Una Orrenda Telenovelas della Serie ***Io, Don Disprezzo per e di TUTTO***) indi un Assolutamente Non Buono Essere Umano, del TEAM **GOBBO**, e purtroppo e' documentato

CULTURA, che si materializza in GESTIRE il Paese MALE...Onorevole KoSSiga e GUINZAGLI

Onorevole...i vostri GUINZAGLI, abilmente ocultati (ed e' stato IMMORALE)..hanno devastato e continuano a devastare un INTERO PAESE in molti e molti aspetti, generazioni a venire incluse..

A quando, Onorevole, e ripeto...A QUANDO troverete il CORAGGIO UMANO di presentarvi al POPOLO, a RETI unite (pubbliche e private...) e chiedere tutte le scuse che da decenni dovete ad un intero Popolo la cui decenza e' stata INSULTATA continuamente

Si legga, Onorevole, dal suo Balck-Berry cortesia del Popolo Italiano...il commento qui sotto....!!!!!!!!

LETTERA di un POLIZIOTTO

Caro Piero,

volevo completare il saluto che non sono riuscito a farti l’altro giorno quando ti ho incontrato in strada: ero quello che guidava l’auto della polizia mentre tu eri fermo al semaforo per attraversare. Son riuscito solo a farti un gesto di approvazione per quello che fai col pollice della mano per poi andar via perchè ci avevano chiamato per un intervento.
Volevo dire a te e a tutti coloro che leggono il tuo blog che anche tra le forze dell’ordine c’è chi ti stima e chi prova ribrezzo per l’attuale andamento della situazione politica italiana.
Non tutti sono come i colleghi di cui leggevo poco fa che spintonavano i ragazzi che cercavano solo di fare delle legittime domande al Ministro Alfano. Non tutti, anche se intorno a me vedo solo pensieri unilaterali di persone che sembrano non interessarsi più alla politica ma solo alla pagnotta.
Io mi sdegno, e molto. Io non sarò mai presente a quelle manifestazioni, di servizio intendo, anche perchè credo che molto spesso mi troverei nella imbarazzante situazione (per Loro) di dover prendere a calci in culo un bodyguard per far passare la domanda di turno.
Io mi sdegno Piero, spero in un cambiamento radicale che arrivi presto.
Sarei stato molto felice di fermarmi a parlare con te e invitarti a prendere un caffè quel giorno in cui Milano era deserta (o più correttamente era affollata solo nei pressi dei negozi e nei centri commerciali con le lucine sfavillanti per fare i dovuti, anche in tempi di crisi, acquisti di regali di Natale che ormai sono un obbligo per molti), ma è andata così.
Volevo almeno spiegarti il perchè di quel mio ok fatto col pollice: era tutto per te!
Alla prossima e sempre in gamba!
Buone feste. G.

Il Link, ed un grazie al Nobile Piero e Team a QUI MILANO LIBERA ed altre citta'..

http://www.pieroricca.org/2009/12/10/lettera-di-un-poliziotto/




permalink | inviato da aaabbbccc il 10/12/2009 alle 14:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

9 dicembre 2009

Un video su You Tube

Visitatori...!!!..!!!

Ho sempre sostenuto tra me e me, e bisogna ammetterlo, ed ho spesso avuto conferme nel reale, che chi e' fortemente ideologizzato, ha gravi mancanze, ad esempio, in campo artistico od espressivo

Sorpresa delle sorprese..poffar UND bacco e per UND dirindina..!!!!

Mi arriva oggi una email, delle tante, e Link ad un video You Tube, (Link posto qui sotto)

Ed il tutto cambia....eh...eh...eh (bla bla bla..sorpresa, sorpresa..!!!!)

Le convinzioni, parte del tutto di cui sopra...cadono, assieme ai giudizi ed altra ruggine o confusione sull'ideologizzato...ed il Buon Desani mi fa una sorpresa di quelle...

IN VIRTUAL TECHNICOLOR...!!!!!

http://www.youtube.com/watch?v=HvJ7epXXHs8

Un Grazie indi, al Buon Desani..ccche quanno cce vo'...e cce vo'ooo'.cce vvoo..!!! :::)))

ps

Non permettere fughe alla Craxi all' OMINO..giu' sul SUOLO ITALICO il MALLOPPO, anche fasciato in carta da **il giornale**..qualunque tipo di carta, MA..

Che detto MALLOPPO sia lasciato a chi legalmente..( una grossa enfasi sul legalmente )..ehm...appartiene..ed a chi appartiene...???

Buona Visione del Video..grande il Video ed al Buon Desani un grazie....




permalink | inviato da aaabbbccc il 9/12/2009 alle 21:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
sfoglia
novembre   <<  1 | 2  >>   gennaio